Pellegrinaggio al santuario della “Madonna di Candelecchia”

Trasacco (AQ)

23 aprile, 2017 - Rievocazione

Il santuario della Madonna di Candelecchia è ubicato nel territorio di Trasacco, ai confini col paese di Luco dei Marsi,  in mezzo a boschi secolari a circa 900 metri di altitudine; in passato la chiesa fu oggetto di contesa tra i due paesi confinanti che ne rivendicavano il possesso che fu infine riconosciuto a Trasacco. Per spiegare l’origine del nome la leggenda narra che un boscaiolo mentre tagliava la legna notò una grotta da cui usciva una luce straordinaria, incuriosito si avvicinò e all’interno della grotta vide un’immagine della Madonna con delle candele accese. Il rinvenimento, ritenuto miracoloso, fu interpretato come espressa volontà della Madre di Dio di essere venerata in quel luogo, dalle candele accese la Madonna prese il titolo della Madonna di Candelecchia (da notare che in dialetto i mozziconi di candela vengono detti “cannelicchi”). All’inizio fu realizzata forse una semplice edicola trasformata in chiesa nel corso dei secoli, oggi il santuario dispone anche di un refettorio e di un dormitorio; all’interno della chiesa è una tavola dipinta raffigurante la Madonna con Bambino del XVI secolo. Nei pressi del santuario è una sorgente di acqua che esce dalla viva roccia a cui vengono attribuite elevate proprietà terapeutiche. La domenica successiva alla Pasqua gli abitanti di Trasacco si recano a piedi o con mezzi di trasporto al santuario per assistere alla messa solenne celebrata alle ore 11,00. Segue il pranzo al sacco con il cibo che ognuno ha portato con sé, le pietanze tradizionali sono la frittata con la “nepitella”, un’erba aromatica che cresce spontanea nei prati circostanti, uova sode, salumi e la tradizionale pizza che si prepara per la Pasqua. Di rito è la “mazza di candellecchia”, un ramo prelevato dagli alberi vicini la cui corteccia viene incisa con  disegni vari e con la data del pellegrinaggio, il bastoncino viene portato nelle case come trofeo e come testimonianza dell’evento trascorso. Il santuario è meta di ritiro solo per gli uomini nel giorno di Sant’Angelo.

Altri appuntamenti

Incantesimo d’autunno

Castellafiume (AQ) | 1 ottobre, 2017

Castellafiume è un comune marsicano della Valle Roveto di circa mille abitanti situato sul versante nord della Val di Nerfa lungo il corso del fiume Liri. Il suo...

Sapori d'autunno

Canistro (AQ) | 15 ottobre, 2017

Canistro è un comune della provincia di L’Aquila ubicato nella parte più settentrionale della Valle Roveto. Il paese è composto dai due abita...

Lungo le antiche rue

Civitella Roveto (AQ) | 20, 21, 22 ottobre, 2017

Civitella Roveto è situata a fondovalle sulle due sponde del fiume Liri, ai piedi dei monti Simbruini, le sue origini sono antichissime come conferma la recente ...

“Festa del XX Ottobre"

Magliano dei Marsi (AQ) | 22 ottobre, 2017

Magliano dei Marsi è un comune della provincia di L’Aquila di circa 3700 abitanti ai piedi del monte Velino. Per la sua posizione geografica l’Abruzz...